Milano in tavola: gli indirizzi da non perdere per gustare il meglio in città

Di , 25 settembre 2014

Se decidessimo di cenare ogni giorno in un ristorante diverso di Milano, impiegheremmo circa 14 anni, mese più, mese meno, a completare l’intero giro di locali.

Tra ristoranti blasonati di grandi chef e piccoli chioschi di quartiere sconosciuti ai più, Milano mette sul piatto, è proprio il caso di dirlo, una scena gastronomica che ha pochi eguali nel resto della penisola, sia per qualità che per dinamismo.

Aperture e chiusure si susseguono a una velocità spesso inafferrabile e anche le mode culinarie possono nascere o esaurirsi nel giro di qualche mese, o cambiare volto semplicemente cambiando quartiere. Milano insomma può non essere una città adatta a chiunque, ma i suoi ristoranti, quelli sì, sono davvero per tutti i gusti.

Ecco i 7 indirizzi dove mangiare a Milano:

1. Una Milano tradizionale

Non solo polenta: oltre a questo autentico comfort food ante litteram, in questi anni in fase di grande spolvero in città grazie alla nascita di locali completamente dedicati (Polentami, via Borsieri 22), non possiamo dimenticare un’altra grande icona della cucina locale, la cotoletta. Una delle migliori la si può trovare da Sergio e Flavia (Da Martino, via Farini 8), che da oltre 50 anni servono la vera “orecchia d’elefante”, rigorosamente con l’osso.

Per chi cerca il connubio perfetto tra tradizione e alta cucina l’Antica Trattoria della Pesa (viale Pasubio 10) è l’indirizzo giusto: dal 1880, uno dei più antichi ristoranti di Milano, è il punto di riferimento per cassoeula, ossobuco e risotti alla Milanese.

[caption id="attachment_23120" align="aligncenter" width="700"]Antica Trattoria della Pesa - ph. Club Milano TRADIZIONALE: Gli interni tipici dell’Antica Trattoria della Pesa – ph. Club Milano[/caption]

2. Cucine dal mondo

2.1 Oriente

Se la vostra passione punta a Oriente, non potete lasciarvi sfuggire il Poporoya Sushi Bar (via Eustachi 37), che dal 1977 occupa un posto speciale nel cuore dei milanesi: una verace trattoria giapponese che serve uno dei migliori chirashi della città e vi catapulterà in un anime del Sol Levante.

2.2 Africa

Per chi soffre di mal d’Africa l’indirizzo è uno solo: Warsà (via Melzo 16), il ristorante eritreo campione di convivialità e atmosfera con i suoi tavoli bassi e l’intenso profumo di spezie.

2.3 Street food americano

Per chi guarda ad ovest è invece immancabile un salto da Al Mercato (via Sant’Eufemia 16): qui potrete gustare il meglio dello street food americano (ma non solo!), dagli hamburger gourmet a nachos e chili con carne di altissimo livello.

[caption id="attachment_23122" align="aligncenter" width="700"]Al Mercato - ph. Club Milano CUCINE DAL MONDO: L’hamburger gourmet di Al Mercato – ph. Club Milano[/caption]

3. Fast food

O la si ama, o la si odia. La pizza di Spontini (via Spontini 4) è da sempre una vera istituzione a Milano: il trancio alto, soffice e rigorosamente solo pomodoro e mozzarella ha raggiunto un tale successo popolare da permettere l’apertura di numerose sedi in tutta la città, diventando, appunto, il simbolo del pasto veloce ed economico.

Per una scelta alternativa e vecchio stile, in zona porta Romana si trova il chiosco di Giannasi (piazza Buozzi), dal 1967 a tutti gli effetti il re del pollo allo spiedo (ma anche di rosticceria, patate al forno, polenta fritta…). Non fatevi spaventare dalla folla che si accalca nell’ora di punta: il servizio è molto milanese, e in pochi minuti e con pochi euro avrete tra le mani una vera prelibatezza.

[caption id="attachment_23124" align="aligncenter" width="700"]Giannasi - ph. Club Milano FAST FOOD: Il chiosco di Giannasi – ph. Club Milano[/caption]

4.  Vegetariano e vegano

Mangiare veg a Milano è ormai diventato un trend inarrestabile: oltre al locale precursore di Pietro Leeman (Joia, via Panfilo Castaldi 18), prima stella Michelin in Europa assegnata ad un ristorante vegetariano, le proposte oggi non si contano.

Per chi cerca un’esperienza culinaria di alto livello l’indirizzo giusto si trova in zona Navigli: il Ghea (via Valenza 5) dello chef Antonio Tomaselli coniuga ricerca e gusto realizzando piatti per vegani, celiaci, intolleranti.

Hamburger vegetariani, centrifugati, zuppe sono invece la proposta di Radicetonda (via Spallanzani 16), piccolo locale total green dove anche arredi, posate e piatti sono realizzati con materiali completamente eco sostenibili e riciclabili.

[caption id="attachment_23126" align="aligncenter" width="700"]Ghea - ph. Club Milano VEGETARIANO: Il Ristorante Ghea – ph. Club Milano[/caption]

5. Il brunch della domenica

Nel corso degli anni il brunch si è trasformato nel vero appuntamento sociale della domenica. Con la sua atmosfera rilassata quello di Ostello Bello (via Medici 4) è particolarmente amato: con un costo abbordabile è possibile immergersi in un clima giovane e internazionale, con proposte da tutto il mondo, come i burgers o il celebre croque monsieur.

Ci si sposta invece nella parte più orientale di Milano per il brunch di Santeria (via Paladini 8): in questo spazio polifunzionale, un po’ coworking un po’ negozio di vinili e libreria, si gusta uno dei più rilassati brunch della città, servito anche di sabato.

[caption id="attachment_23128" align="aligncenter" width="700"]Santeria - ph. Club Milano BRUNCH: Il giardino di Santeria – ph. Club Milano[/caption]

6. Aperitivo

Quando cala la sera Milano riscopre la sua vocazione “da bere”, e si moltiplicano i locali che propongono il classico aperitivo.

In zona Porta Romana si trova Lacerba (via Orti 4), nato come ristorante futurista e oggi uno dei cocktail bar più amati, grazie sia alla particolare atmosfera vintage, tutta mobili di antiquariato e divani originali anni Settanta, sia alla cura con cui il mixologista realizza cocktail dallo spirito innovativo e retrò.

Per un’atmosfera più glamour e alla moda l’indirizzo giusto è il cocktail bar dello Sheraton Diana Majestic (h club>diana, viale Piave 42): ogni sera il gotha della moda, del design e dell’arte trasforma questo happy hour in un evento da non perdere.

[caption id="attachment_23130" align="aligncenter" width="700"]h club diana - ph. Club Milano APERTIVO: h club > diana, il lounge bar dello Sheratono Diana Majestic – ph. Club Milano[/caption]

7. Mangiare alla moda

Milano non può essere Milano senza il suo lato più fashion e trendy.

Il recentissimo Ceresio 7 (via Ceresio 7) è diventato in pochi mesi un nome sulla bocca di tutti. Il ristorante, firmato Dsquared2 e con lo chef Elio Sironi dietro ai fornelli, nasce sulla magnifica terrazza del palazzo storico dell’Enel: la piscina a sfioro e il panorama mozzafiato sul nuovo skyline milanese rendono ogni pasto indimenticabile.

Per chi cerca un’idea di lusso meno sfrontata ma di altissimo livello, merita una visita il ristorante stellato Trussardi alla Scala (piazza della Scala 5): qui lo chef Taglienti propone una cucina tradizionale rivisitata, in un ambiente tutto curato dal brand del levriero.

[caption id="attachment_23132" align="aligncenter" width="700"]Ceresio 7 - ph. Club Milano ALLA MODA: Ceresio 7 e il suo panorama mozzafiato – ph. Club Milano[/caption]

Pisolino post cena…

Se troppo cibo vi ha messo sonno e non avete ancora trovato il posto ideale per dormire, eccovi qualche suggerimento:

[caption id="attachment_23154" align="aligncenter" width="800"]Clicca sulla foto per scoprite i migliori hotel design a Milano Clicca sulla foto per scoprite i migliori hotel design a Milano[/caption]

Non solo cibo…

Tra un’abbuffata e l’altra cercate il tempo per:

[caption id="attachment_23156" align="aligncenter" width="800"]Cliccate sulla foto per scoprire cosa fare a Milanonight & dayCliccate sulla foto per scoprire cosa fare a Milanonight & day[/caption]

Leggete anche…

La guida completa di Milano

Guarda i commenti