Cosa vedere a Manhattan: Chelsea, il suo quartiere più contemporaneo

Di , 15 novembre 2014

Tra le tante anime che nasconde New York City, una delle più interessanti è quella che si cela in uno dei quartieri che meglio ha saputo trasformare i suoi vecchi fantasmi in vere e proprie forme d’arte e rivalorizzazione urbana. Stiamo parlando di Chelsea, quartiere di Manhattan che si trova esattamente tra Hell’s Kitchen ed il Meatpacking District e si affaccia sulle rive del fiume Hudson.

A differenza della New York dei luoghi comuni e delle imponenti attrazioni turistiche, Chelsea è una realtà decisamente più a misura d’uomo. Un quartiere artisticamente molto vivo e che ha il grande merito di essersi letteralmente trasformato nel giro di pochi anni.

[caption id="attachment_27934" align="aligncenter" width="800"]Chelsea Chelsea[/caption]

Dai megastore della 6th Avenue (ufficialmente Avenue of the Americas) la strada è breve eppure la distanza culturale è a dir poco esorbitante. Appena ci si lascia alle spalle la bella Herald Square, i suoi centri commerciali, le sue boutique e i grandi brand della moda si entra subito in un’atmosfera decisamente più intima e raccolta dove la smania per lo shopping lascia il posto al relax della cultura.

Giunti tra la 10th e la 11th Avenue potrete iniziare il vostro tour di Chelsea, girovagando innanzitutto per le sue strade e le sue celebri gallerie d’arte. Non c’è nessun altra zona di New York che possa vantare una così forte concentrazione di esposizioni d’arte, che sorgono, per lo più, tra la 30th e la 20th Street.

[caption id="attachment_27952" align="aligncenter" width="800"]Chelsea Chelsea[/caption]

Diciamo che è difficile programmare una visita a determinate gallerie. Gli artisti locali organizzano mostre continuamente e la cosa migliore da fare è di iniziare un bello zig-zag tra la 10th e la 11th Avenue dirigendosi dalla 30th strada verso sud. Vedrete che passeggiando, tra un caffè e l’altro, troverete la galleria da visitare. Procedete con calma perché questo è il regno della pace, fermatevi a bere un caffè presso uno dei tantissimi locali, la tranquillità vi darà una grossa mano ad apprezzare al meglio Chelsea, così profondamente diversa dal resto di New York.

Tra le gallerie divenute celebri possiamo ricordare la Andrea Rose Gallery al 525 della 24th Strada, la Matthew Marks Gallery sita al 523 della 24th Strada oppure quella curata da Barbara Gladstone che troverete al 515 della 24th Street. Naturalmente ce ne sono tante altre di alto livello, per questo l’ideale è reperire presso una delle gallerie che incontrerete la Gallery Guide.


Il Chelsea Market


Passando così dalla 30th Street arriverete fino alla 16th, perché lì tra la 9th e la 10th Avenue c’è quello che sicuramente è il mercato più bello ed affascinante di New York City: il Chelsea Market (75 9th Ave – 15th Street).

[caption id="attachment_27940" align="aligncenter" width="800"]Chelsea Market Chelsea Market[/caption]

Una grandiosa opera di ristrutturazione e valorizzazione di autentica archeologia industriale, perché l’edificio dove sorge il market era la sede della National Biscuit Company, nota anche come Nabisco, produttrice del famoso Oreo.

Lungo i 240 metri di questa galleria, ristrutturata in modo ineccepibile, cercando di mantenere inalterato lo stile industriale dell’epoca, troverete un vero e proprio paradiso gastronomico. Dalle panetterie più chic di New York, ai mini market fino all’autentico gelato artigianale italiano.

[caption id="attachment_27942" align="aligncenter" width="800"]Chelsea Market Chelsea Market[/caption]

High Line


Usciti, speriamo sazi, dal tour al Chelsea Market è il momento di smaltire con una passeggiata rilassante sulla High Line (potete salire dall’inizio del percorso a Gansevoort Street, in cui è installato anche un ascensore), un parco sopraelevato aperto nel 2009 la cui ultima parte vedrà la luce nel 2015.
Questo è probabilmente l’emblema di Chelsea e della sua incredibile capacità di trasformarsi, di valorizzare una zona che prima aveva ben poco da offrire: quelli che erano i binari abbandonati di una poco fortunata ferrovia, sopraelevata per sfuggire al congestionato traffico stradale, oggi sono stati letteralmente sostituiti da uno dei parchi più interessanti di tutta la città di New York.

Nel 1999 fu presentato questo avveniristico progetto che dava finalmente pace ai residenti della zona che da anni chiedevano una riconversione dei binari dismessi: dall’inizio della sua realizzazione il parco è divenuto l’orgoglio degli abitanti di Chelsea, che si è tradotto nella spassionata adesione al comitato Friends of the High Line di cui si può diventare anche membri iscrivendosi presso il loro sito.

Passeggiando così per questo stupendo parco potrete passare tra chioschi e piccole mostre d’arte ambulanti, ammirando le vie di Chelsea da una prospettiva sicuramente insolita.


Cercate un hotel a Manhattan?


Ecco tutte le offerte su trivago!


Leggete anche…


  1. Guida dei locali (e non solo) di Miami (e non solo)
  2. Cosa vedere a Brooklyn, il distretto più cosmopolita di NYC
  3. Quando conviene andare a New York?
[caption id="attachment_28220" align="aligncenter" width="800"]Cliccate sulla foto per leggere la guida di Brooklyn!Cliccate sulla foto per leggere la guida di Brooklyn!
© Diacritical – photopin.com[/caption]
Guarda i commenti